Progetto "Sport e Inclusione 2021" 

La nostra organizzazione di volontariato, con la collaborazione di numerose associazioni del territorio, sta progettando per il periodo giugno - luglio 2021 un'iniziativa rivolta da un lato a bambini e ragazzi in situazioni di esclusione sociale e dall'altro a soggetti disabili per permettere loro di frequentare corsi sportivi e ludico motori durante la prossima estate in maniera totalmente gratuita.

Le attività sportive ed i laboratori saranno organizzati secondo un calendario e ciascuna realtà associativa potrà iscriversi, anche permettendo la partecipazione a loro singoli associati, in base alle esigenze e preferenze personali.

Tutte le attività sportive svolte all'interno del progetto verranno realizzate rispettando le disposizioni ministeriali e regionali relative alle misure di contenimento di Covid-19 ed i protocolli di sicurezza delle Federazioni Sportive o degli Enti Sportivi di riferimento.

In sintesi

  • Raccogliamo la disponibilità di associazioni e società sportive ad offrire la propria disponibilità per realizzare momenti in cui le persone fragili o in situazioni di difficoltà possano svolgere attività sportiva o ludico motoria;
  • Le ASD e SSD che si renderanno disponibili verranno remunerate per il tempo, le strutture e gli educatori che metteranno a disposizione;
  • Le organizzazioni di volontariato e gli enti socio assistenziali che si occupano di disabilità e situazioni di emarginazione potranno partecipare con i propri assistiti gratuitamente a tutte le attività sportive proposte;
  • I fruitori dei servizi verranno assicurati singolarmente per i rischi derivanti dall'attività sportiva;
  • Il periodo di svolgimento delle attività sarà giugno e luglio 2021, compatibilmente con l'evolversi della situazione pandemica.

l'intento di coprire i fabbisogni economici di categorie fragili o vulnerabili al fine di permetter loro di usufruire gratuitamente di attività sportive di base, scelte in base alle preferenze personali o alle attitudini dei partecipanti, cercando di educare all'attività

sportiva giovani in situazioni di disagio sociale, povertà educativa ed emarginazione. Sarà inoltre l'occasione per svolgere un'attività ludico-motoria a favore di tutti i soggetti in condizione di disabilità fisica o psichica che in situazioni quotidiane non hanno occasione di praticare attività sportiva data la carenza di offerta inclusiva sul territorio.


L'idea del progetto è quindi di realizzare un servizio rivolto a chi ha dovuto affrontare l'isolamento e le normative di restrizione sociale partendo da una situazione già di difficoltà. Da questo

scaturisce un valore sociale e permette alle attività sportive di rilanciarsi in un modello economico-sociale differente, ma che sarà la base per lo sviluppo dell'area nel prossimo decennio.

Stiamo quindi raccogliendo al momento le disponibilità degli enti sportivi da un lato e l'interesse delle associazioni socio assistenziali dall'altro a partecipare. "Meglio di prima - Sport ed inclusione" è stato già brevemente presentato ad alcune amministrazioni comunali del territorio, dove è stato riscontrato interesse per il progetto proposto.

Se fate parte di queste tipologie di associazioni vi invitiamo a contattarci per ogni proposta o richiesta informazioni via mail info@cittadinanza-attiva.com oppure tramite Facebook alla pagina https://www.facebook.com/cittadinanzaattivalegnano 

Patrocini e supporto istituzionale

Questa iniziativa è stata fin da subito apprezzata dalle istituzioni del territorio; 

in particolare il Comune di Canegrate è stata la prima amministrazione comunale a concederci il patrocinio e l'utilizzo degli impianti sportivi. Il supporto del Comune non si è limitato a questo, ma gli Assessori Modica e Meraviglia si sono impegnati nel coinvolgere le associazioni sportive e socio/assistenziali di Canegrate per fare in modo che la partecipazione al progetto fosse quanto più ampia possibile nel loro Comune

Inoltre rileviamo l'importante collaborazione anche di ASSL (Associazione delle Società Sportive Legnanesi) con il fondamentale supporto del presidente Carlo Bandera ed il supporto della Casa del Volontariato di Legnano per i contatti con le associazioni operanti in ambito sociale sul territorio legnanese